Iniziative in atto

Continuate a inviarci le vostre adesioni al ricorso sui sei scatti sulla liquidazione e a quello sul risarcimento dei danni dalla mancata istituzione dei fondi pensioni.

A metà luglio tireremo le somme e faremo il punto.

Scriveteci qua per l'adesione al ricorso sui sei scatti e qua per quello sui fondi pensione.

In bocca al lupo.

 


Secondo il Consiglio di Stato, al lavoratore della Polizia di Stato e delle altre forze di polizia, compresi i dirigenti, i sei scatti aggiuntivi sulla liquidazione spettano non solo in caso di cessazione dal servizio per raggiunti limiti di età, ma anche in caso di cessazione a domanda, a patto di possedere il requisito anagrafico (almeno 55 anni) e  quello contributivo (massima anzianità contributiva)

Con la sentenza n. 1231/2019, della III Sezione, il Consiglio di Stato ha stabilito la spettanza del diritto al computo dei sei scatti aggiuntivi previsti dall'art. 4, del d.lgs.n. 165/1997 ai fini del calcolo dell'indennità di buonuscita,... vai all'articolo


Si sa che la riforma Dini (legge n. 335/1995), ha introdotto il cosiddetto "metodo contributivo", stabilendo, in particolare, che il sistema di calcolo da utilizzarsi si differenzia a seconda dell'anzianità maturata alla data del 31 dicembre 1995:

- nei confronti dei lavoratori che possono contare ... vai all'articolo


Ultimissime dalla Sicilia

Ci è stata segnalata una recentissima sentenza della Corte dei Conti siciliana (qui) che non ha riconosciuto il diritto al ricalcolo a un pensionato della Polizia di Stato arruolatosi prima del 25/6/1982.
Con riguardo alla strategia del discrimine temporale, al momento, stando a quanto ci risulta, le sentenze negative (usiamo il plurale perché la Corte dei Conti siciliana non è l''unica, purtroppo, ad avere respinto tale tesi) riguardano solo il primo grado di giudizio, quindi per avere un quadro di definitività occorrerà aspettare che si pronuncino ancora le Sezioni Centrali d'Appello. 

Da ciò a prescindere, la strategia elaborata dai legali che hanno aderito al progetto Diritti&Rovesci invece, non prende in considerazione il discrimine temporale del 25/6/1982; si sostiene, infatti, la tesi che la Polizia di Stato abbia diritto all'applicazione dell'art. 54, a prescindere dallo status militare, sulla base di precisi referenti normativi, puntualmente individuati.
La prima udienza in cui tale tesi sarà messa alla prova è stata fissata per questa estate, davanti alla Corte dei Conti della Valle d'Aosta.
Forza e coraggio.

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!


Se sei un pensionato della Polizia Penitenziaria arruolatosi prima dell'11 gennaio 1991 potresti  avere diritto al ricalcolo. Scrivici, perciò, con fiducia se vuoi informazioni. Basta compilare il modulo QUI. Saremo felici di fornirti tutte le informazioni del caso e, se vuoi, di fornirti la modulistica e le istruzioni per chiedere all'INPS l'applicazione dell'art. 54, in via amministrativa. Il tutto in maniera assolutamente GRATUITA.

L'anzianità di servizio al 31/12/1995 utile ai fini del ricalcolo è quella indicata nel Quadro II - Trattamento diretto del tuo Mod. SM5007, nelle prime due caselle (VEDI).
Precisazione ... 

Ci è stato chiesto come mai in taluni siti si legge che il discrimine temporale ai fini del ricalcolo per la Polizia Penitenziaria è indicato nella data del 15/12/1990, mentre noi lo indichiamo nella data dell'11/1/1991.

 

Riportiamo qui la risposta ritenendola interessante per tutti.
Per quanto riguarda noi, la data che indichiamo dell'11/1/1991 è quella di entrata in vigore della legge.
Quella del 15/12/1990 è, invece, la data di promulgazione della legge.

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!


Ci è stato chiesto di chiarire chi possa rivendicare il diritto al ricalcolo ai sensi dell'art. 54  del DPR 1092/1973. Dal nostro punto di vista, la risposta ovviamente è: tutti gli appartenenti al Comparto Sicurezza e Difesa. 

Tolti i militari, che sono i destinatari naturali della disposizioni, occorre precisare che, mentre per Polizia di Stato, Corpo Forestale dello Stato e Vigili del Fuoco non paiono sussistere preclusioni particolari alla rivendicazione del diritto, poiché nel loro caso esistono norme ben precise che consentono di reclamare il trattamento dei militari pur in assenza di tale status, a prescindere dal momento dell'arruolamento, per la Polizia Penitenziaria il discorso è più complesso poiché non esistono norme analoghe (quantomeno, finora, non le abbiamo trovate). Per questo, per la Polizia Penitenziaria si deve tendere a far affermare il principio della rilevanza del solo status in entrata. Ciò consente di considerare destinatari del diritto (compreso quello al ricalcolo per le anzianità inferiori ai quindici anni) tutti gli arruolati fino all'11/1/1991, data di entrata in vigore della legge 395/1990 di riforma e di smilitarizzazione del Corpo degli Agenti di Custodia. Va detto, però. che la questione non è pacifica: Corte dei Conti Piemonte, ad esempio, ritiene rilevante lo status militare in uscita, 

I giochi sono, dunque, aperti.

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!


Assenza dello status militare: una chiosa sulle sentenze fino a oggi favorevoli alla Polizia di Stato

Ci è stata segnalata da un pensionato della Polizia di Stato, l'ennesima sentenza (questa volta della Corte dei Conti pugliese) che ha riconosciuto alla Polizia di Stato il diritto al ricalcolo ex art. 54.
Precisiamo che, purtroppo, fino a che non si scioglierà il nodo della rilevanza o meno dello status militare (assente nella Polizia di Stato così come nella polizia Penitenziaria) nessuno potrà dirsi al sicuro, poiché le motivazioni saranno sempre deboli. In altri termini, il giudice deve necessariamente dire che il diritto spetta a prescindere dallo status non militare. 

Nei ricorsi dell'Avv. Daniele Lascari questo tema è apertamente affrontato, con ampie argomentazioni a sostegno della tesi che lo status militare non sia elemento necessario. Le prime udienze che dovranno dare risposta e aprire un nuovo corso per quello che riguarda i pensionati della Polizia di Stato sono state fissate a giugno/luglio di quest'anno. Attendiamo fiduciosi.

Forza e coraggio. 

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!


Alcune confortanti sentenze dei giudici contabili inducono ottimismo anche per quanto riguarda la posizione di chi al 31/12/1995 può far valere un'anzianità di servizio inferiore ai 15 anni.
Se sei interessato alle possibili iniziative contattaci compilando l'apposito formulario QUI. In base al tuo profilo ti forniremo le informazioni e la modulistica necessari. Ovviamente in via gratuita.
Forza e coraggio.
 

 

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!


Siamo convinti che anche per la Polizia di Stato (qualunque sia la data dell'arruolamento, prima o dopo il 25/6/1982) ci siano ottimi motivi per rivendicare il diritto al ricalcolo.  

Gli avvocati che stanno curando i ricorsi e gli appelli, Daniele Lascari e Paolo De Benedetti, hanno messo a punto argomenti giuridici forti, che riteniamo in grado di contrastare le tesi dell'INPS, fatte purtroppo proprie da alcune Corti territoriali,  secondo cui l'assenza dello status militare osterebbe al riconoscimento del diritto. 

La strategia degli avvocati prevede anche di sollevare, in subordine, questione di legittimità costituzionale. I legali sono convinti, e noi con loro, che lo status di militare non sia elemento necessario ai fini del riconoscimento del diritto, per cui teniamo duro.
Occorre combattere. Quindi non molliamo. Ovviamente informazioni e modelli di domanda amministrativa da usare nella fase pre-contenziosa, per richiedere all'INPS l'applicazione dell'art. 54, sono da noi forniti gratuitamenteSe volete maggiori informazioni contattateci tranquillamente, compilando il Form QUI o anche in chat, se volete. Forza e coraggio.

L'anzianità di servizio al 31/12/1995 utile ai fini del ricalcolo è quella indicata nel Quadro II - Trattamento diretto del tuo Mod. SM5007, nelle prime due caselle (VEDI)

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!


Per quanto riguarda i militari, ormai possiamo dire che la strada è in discesa, vista la unanime posizione sul punto di tutte e tre le Sezioni Centrali d'Appello. 

In ogni caso, fino a quando l'INPS non capitolerà, applicando l'art. 54 sua sponte, o fino a quando non interverrà il Governo, l'unico modo per vedersi applicare la norma è quello di ricorrere. Per ogni informazione e per conoscere la procedura per un eventuale ricorso contattateci pure, compilando il Form QUI o chiedete in chat. Vi forniremo gratuitamente informazioni e modelli di domanda amministrativa da usare nella fase pre-contenziosa, per richiedere all'INPS l'applicazione dell'art. 54Forza e coraggio.

L'anzianità di servizio al 31/12/1995 utile ai fini del ricalcolo è quella indicata nel Quadro II - Trattamento diretto del tuo Mod. SM5007, nelle prime due caselle (VEDI).

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!


Anche il Corpo Forestale dello Stato e i Vigili del Fuoco possono rivendicare, legittimamente, il buon diritto al ricalcolo della parte retributiva della loro pensione maturata al 31/12/1995.

Scriveteci compilando il Form QUI e riceverete, gratuitamente, a richiesta, informazioni e modulistica per avviare la procedura. 

Nessuno deve restare fuori. Crediamoci!!

L'anzianità di servizio al 31/12/1995 utile ai fini del ricalcolo è quella indicata nel Quadro II - Trattamento diretto del tuo Mod. SM5007, nelle prime due caselle (VEDI).

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Chiedi!



Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

(Art. 3, Costituzione Italiana)

Un diritto non è ciò che ti viene dato da qualcuno; è ciò che nessuno può toglierti.                                                        (Tom C. Clark, Procuratore Generale USA)


Visitatori dall'8 aprile 2020


dirittierovesci.org

(C) TUTTI I DIRITTI RISERVATI